... manifestazioni                                            Cava Manara
 
 

Le Contrade


'L Gunfalon
 
 

Il PALIO di Cava Manara.

Il vecchio abitato di Cava Manara era posto ad una estremitÓ dell'altopiano lomellino, questa terrazza possedeva un'appendice che si spingeva ancora pi¨ innanzi e poi degradava verso nord-est. Il dislivello di circa sedici metri di media permetteva di spaziare a giro d'orizzonte sulla campagna sottostante. Qui i Marchesi Olevano fecero costruire una villa. Il complesso della villa e dell'unita chiesa parrocchiale rappresentava un punto di riferimento a largo raggio. La vecchia strada per Pavia, infatti, giungeva da nord-est quasi in linea retta con S.Martino, passando da Villa Felice, lungo quello che oggi Ŕ il tratto iniziale del viale della stazione. Al viaggiatore, giunto all'altezza di Villa Felice, che si trovava su un dosso, appariva il colpo d'occhio, in cima alla costiera, della grande villa e del suo giardino, unita in un tutt'uno con la bella chiesa parrocchiale, le dipendenze ed il corpo di fabbrica senza soluzione di continuitÓ che rappresentava la porta d'ingresso dell'abitato. La facciata era volta verso il paese e dalla piazza si accedeva alla villa scavalcando con un ponticello ad arco la sottostante via del Fornone. Edificata nella seconda metÓ del settecento da Umberto I Marchese degli Olevano, feudatario di Cava, giÓ nel 1850 cess˛ di essere residenza signorile, pass˛ ai Sozzani di Tromello ed ai Marangone ed infine alla Curia Vescovile di Vigevano che la destin˛ dal 1875 al 1892 a sede di villeggiatura estiva per i seminaristi. Il comune, a cui era stata offerta ancora intatta con il bel giardino, per una cifra modica, perse l'occasione per entrarne in possesso.